Cucine Vintage Moderne: romantiche e straordinariamente attuali

By | luglio 11, 2017
Affrettati perché avere una Cucina in stile Vintage Moderno ad un prezzo accessibile non è più solo un sogno

Le cucine vintage moderne sono la scelta ideale per chi ha nostalgia dello stile retrò, ma non vuole rinunciare alla comodità della tecnologia moderna.
Il fascino del passato rende questi modelli di un’eleganza raffinata e di un valore indiscutibile.
In genere si tratta di cucine dallo stile ricercato che presentano una minuziosa cura di ogni singolo dettaglio e realizzate con materiali pregiati e di prestigio.
Si tratta della stanza più frequentata di ogni casa, quella in cui si cucina, si preparano le pietanze e in cui, nella stragrande maggioranza dei casi, ci si riunisce per mangiare.
Il momento più conviviale della famiglia è vissuto in cucina.
Qui si vive assieme, si condivide, ci si confronta, si scambiano racconti ed esperienze; è qui che si incentra la maggior parte della vita famigliare.
Per questo l’arredamento deve corrispondere alla personalità di chi vi abita; ogni componente del mobilio ed ogni elemento aggiuntivo devono lasciar trasparire l’anima delle persone presenti.
Chi ama le cucine vintage moderne generalmente ricerca un equilibrio stilistico fra modernità e tradizione.

Quali sono le caratteristiche di una cucina in stile vintage?

Questo tipo di arredamento presenta richiami al passato con l’aggiunta del gusto attuale.
Con il termine vintage ci si riferisce al passato, ma in questo caso non si allude ad una sola epoca, ma piuttosto ad un periodo che va dagli anni ’50 agli anni ’80/90.
Per ognuno di questi decenni il rimando nello stile sarà ovviamente diverso a seconda di quelle che erano le linee di arredamento di quegli anni specifici.
Negli anni ’50 il design rappresentava lo spirito del momento: in pieno dopoguerra e boom economico, si risveglia il senso creativo e la ricerca di novità; ecco quindi che nelle case entrano gli elettrodomestici e il colore, secondo la tendenza statunitense che in quel momento rappresentava la ricchezza e il benessere.
La cucina era composta da mobili in legno pregiato, con ante a vetro e pomelli in ceramica o metallo, dalle linee semplici e delicate, dai dettagli raffinati e dai colori pastello.
Gli elettrodomestici sono colorati, molti di essi hanno gli angoli stondati, come il classico frigorifero, tipico dell’epoca, con maniglia grande in metallo e anta lucida.
Il tavolo in legno può essere corredato di sedie in ferro battuto o in tessuto colorato, su di un pavimento di piastrelle rettangolari, generalmente bianche e nere.
A tutto ciò è consigliabile aggiungere accessori in perfetto stile anni ’50, come la macchinetta per il popcorn, un tostapane bombato, delle targhe decor.
Quello del decennio degli anni ’60 è un periodo di rivoluzioni in tutti i campi, non per ultimo il settore artistico, che non poteva lasciare intatto il mondo dell’arredamento.
Il design delle cucine dell’epoca risente fortemente di questa ondata di voglia di divertimento soprattutto nei colori e nella decorazione di pareti e pavimenti.
A terra la presenza di piastrelle quadrate, principalmente bianche nere, aiuta a dare l’idea di avere a disposizione uno spazio più ampio, mentre le pareti sono rivestite di carta da parati con decorazioni prevalentemente sobrie e dai colori pastello.
Questi si ritrovano anche nei mobili del piano cottura, al quale vengono abbinati anche pensili e vetrine, mentre per quanto riguarda tavolo e sedie si assiste alla comparsa della plastica anche per quanto riguarda l’arredamento casalingo.
Agli elettrodomestici colorati e bombati già presenti nel decennio precedente, se ne aggiungono di più piccoli, ma altrettanto utili, come i primi frullatori, i nuovi modelli di radio e mini televisori.
Gli anni ’70 sono quelli che segnano una netta rottura con la tradizione e una gran voglia di innovazione e originalità.
Ecco quindi che i colori si fanno forti e molto più accesi, anche in contrasto tra loro, in alcuni casi sono tendenti al fluo, oppure si nota un forte stacco tra bianco e nero.
Lo stile è sobrio e pratico, grazie anche all’utilizzo di materiali industriali; fanno infatti il loro ingresso nel campo dell’arredamento la plastica, il vetro, la pelle.
Design pulito per mobili, spesso lucidi, e per gli accessori; in questo periodo si vede anche l’introduzione di prodotti hi-tech.
Alle pareti abbonda la carta da parati con motivi floreali, forme geometriche, motivi optical multicolore.
Nel decennio successivo, quello degli anni ’80, l’innovazione tecnologica del periodo si risente anche nel settore dell’arredamento casalingo.
I mobili iniziano ad assumere forme geometriche minimali ed eleganti per rispondere meglio al concetto di serietà e semplicità.
I materiali utilizzati sono il legno, il metallo e il vetro e i colori diventano più sobri, meno accesi, di tonalità meno brillanti, con prevalenza del marrone scuro e del nero.
Il senso di praticità la fa da padrone, per cui ogni componente di mobilio non è esclusivamente decorativo, ma ha un suo utilizzo e un suo scopo ben precisi. Si prediligono gli spazi ampi, per cui si inizia a intravedere anche nelle case il concetto dell’open space, senza pareti divisorie.
Il periodo è caratterizzato dalla contaminazione etnica, con accessori derivanti dall’artigianato di altri paesi, e dal boom della produzione di sedie di ogni tipo, per cui i designer dell’epoca si sono sbizzarriti nella creazione dei più svariati modelli.
Coloratissime le luci, con l’utilizzo del multicolore anche in casa.
Sembra strano parlare di vintage per quanto riguarda gli anni ’90, ma se ci si attiene al significato letterale del termine, che indica qualunque cosa abbia più di venti anni, ecco che anche l’ultimo decennio del secolo scorso rientra nella categoria di cui stiamo parlando.
In questo periodo lo stile principale è quello minimalista, con i mobili che assumono forme geometriche, essenziali, dalle linee chiare e definite.
Dai colori scuri con superficie liscia e lucida, si passa a tonalità più chiare, il bianco su tutte, assenza di decorazioni e materiali grezzi e opachi.
La realizzazione dei mobili in quest’epoca tiene conto della loro funzionalità ed efficienza.

Guarda anche le nostre cucine total white: https://arredolussopertutti.com/lintramontabile-versatilita-delle-cucine-componibili-bianche/

Come AIV realizza la cucina vintage dei vostri sogni

Una volta che si hanno le idee chiare su quale sia il periodo a cui ci si vuole rifare, si può procedere con il rinnovare l’arredo della cucina.
La prima cosa da fare è dedicarsi agli elettrodomestici, cercando di esporre in vista solo quelli appartenenti all’epoca scelta e tenendo nascosti gli altri.
Dopo si passa alla scelta dei mobili e dei colori delle pareti, o della carta da parati, sempre ricordando di restare fedeli ad un unico stile, per evitare di ottenere un risultato troppo pacchiano mischiando insieme elementi appartenenti a periodi diversi.
L’ultima parte riguarda i dettagli, dal lampadario, ai soprammobili, alle stampe alle pareti, alle tende.
Da noi è possibile ricreare in modo perfettamente fedele un ambiente vintage, con mobili e accessori in assoluto stile con il decennio scelto.
La qualità è il nostro punto di forza: niente che sia prodotto in serie con materie prime di dubbia provenienza e magari anche nocive per la salute.
Tutto ciò che noi produciamo è garanzia assoluta di serietà e sicurezza. L’altro vantaggio nell’acquistare da noi è il prezzo.
Le cucine vintage, proprio perché molto ricercate, sono presenti sul mercato con costi generalmente medio-alti.
Qui da noi è possibile trovare un perfetto equilibrio nel rapporto qualità-prezzo che permette a chiunque di soddisfare le proprie esigenze e di realizzare la cucina dei sogni senza dover rinunciare ad alcuni accessori, perché troppo costosi, e senza dover far fronte a spese troppo esose.
Questo è possibile grazie al fatto che da AIV gli acquisti avvengono direttamente in fabbrica saltando così il passaggio del negozio che farebbe inevitabilmente aumentare il prezzo di vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *